Thierry Bonfanti. Psicologo di formazione

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
E-mail Stampa
Biografia

Ho intrapreso un percorso di psicoterapia già all’età di vent’anni. Da quell’esperienza, nasce la mia vocazione per questa disciplina.

Decisi di studiare psicologia. Entrai all’università di Parigi V – Sorbona, nel 1980. Nello stesso anno, conobbi Michel Lobrot attraverso un amico comune. Questo incontro è stato importantissimo per la mia evoluzione.

In parallelo alla mia formazione universitaria, mi sono specializzato nella conduzione di gruppi e nella psicoterapia non direttiva interveniente presso l’Istituto Agora di Parigi.

Nel 1985 mi sono laureato in psicologia clinica e patologica. Ho iniziato la mia carriera a Parigi come psicologo clinico in una casa di post-cura psichiatrica dove ho lavorato fino al 1987. Contemporaneamente ho iniziato a ricevere i miei primi clienti in psicoterapia.

La preparazione che mi aveva dato la formazione alla Non-Direttività Interveniente (N.D.I.) in materia di conduzione di gruppi, il mio interesse per quell’attività e anche per la formazione, mi portarono nel 1987 ad iniziare la mia carriera di formatore in ambito clinico, per poi passare anche all’ambito aziendale in qualità di libero professionista.

Nel 1988 sono diventato membro dell’Istituto Agora di Parigi. Cominciò allora una lunga collaborazione con Michel Lobrot e la sua equipe. Ho partecipato a vari gruppi di ricerca centrati sui processi di cambiamento, sulla vita sentimentale, sulla sessualità, ricerche che sono proseguite per una decina d’anni.

Dal 1991 cominciai a lavorare in Italia collaborando con il Laboratorio di Educazione al Dialogo (L.E.D.), di ispirazione rogersiana, dove ho condotto vari corsi di crescita personale.

Poi la mia attività professionale in Trentino si è sviluppata in particolare grazie alla fiducia di Padre Livio Passalacqua, allora presidente del LED. Con l’equipe di Michel Lobrot varammo nel 1993 gli Incontri Internazionali della N.D.I., che da allora hanno avuto cadenza annuale regolare.

Lo stesso anno, creammo il giornale della N.D.I., allora chiamato Philinfo, oggi Implications. Sempre nel 1993, fu anche pubblicato il collettaneo Le choc des émotions, a cura di Michel Lobrot, libro al quale ho contribuito con il mio apporto personale.

Nel 1995 a Parigi inventammo il Caffè Dibattito. Sempre quell’anno, con Michel Lobrot pubblicammo per i tipi Hachette La Psychanalyse, libro scritto a due mani.

Nel 1998 decisi di stabilirmi in Italia, a Trento, su una terra che ormai sentivo mia più che ogni altra.

Nel 1999 il Ministero della Giustizia mi ha affidato la formazione del primo ufficio dei mediatori penali delle Province di Trento e di Bolzano.

Nel 2001, varai il primo Caffè Dibattito a Trento. Ebbe subito un gran successo, radunando ogni mese, in un bar della città, una quarantina di persone per dibattere su un tema scelto dai partecipanti la sera stessa.

Nell’anno accademico 2001-2002 l’Università Marc Bloch di Strasburgo mi ha affidato un corso annuale di formazione alla mediazione nonché il suo coordinamento didattico.

Nel 2002 la Air France mi ha dato l’incarico di realizzare una formazione che avrebbe coinvolto tutto il personale front line della compagnia.

Questa formazione prosegue tutt’ora. Nello stesso periodo ho condotto vari seminari di team building per La Poste di Strasburgo.

Nel 2005 ho ripreso la mia attività di studio e di ricerca, mai abbandonata, in modo più sistematico, dedicandomi alla scrittura.

Oggi, nel 2008, divido la mia vita tra la formazione e la psicoterapia da una parte, lo studio e la ricerca dall’altra.